COVID-19

In considerazione dell’aggravarsi della situazione epidemiologica e al fine di contrastare la diffusione della pandemia, Confagricoltura Cuneo invita i soci e gli utenti a privilegiare i contatti con gli uffici da remoto, tramite telefono, posta elettronica e videochiamate, limitando i contatti di presenza allo stretto necessario. Gli uffici di Confagricoltura Cuneo, del Caf e del Patronato sono aperti al pubblico previo appuntamento ed esclusivamente per pratiche inderogabili e indifferibili. I nostri operatori continueranno ad essere operativi e a fornire assistenza telefonicamente, tramite whatsapp o via e-mail negli orari qui indicati.

NB: Confagricoltura Cuneo provvederà ad aggiornare costantemente questa pagina in relazione all’evoluzione normativa.

 virus

Dpcm del 3 Novembre: ecco cosa prevede il nuovo decreto

Con il Decreto del presidente del consiglio dei ministri del 3 novembre, in vigore da venerdì 6 novembre, vengono imposte una serie di limitazioni alla circolazione delle persone e alle attività di bar e ristorazione, compresi gli agriturismo.

Piemonte in “zona rossa”

Il territorio nazionale è stato suddiviso in aree di rischio. Il Piemonte è stato inserito tra le aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto. Dal 6 Novembre saranno vietati anche gli spostamenti all’interno della regione tranne che per ragioni lavorative, di salute e per accompagnare i bambini a scuola.
Le attività lavorative e produttive, comprese ovviamente quelle agricole, potranno proseguire nel rispetto delle norme di sicurezza.
Saranno sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole vendite di generi alimentari e di prima necessità. Chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.

Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie. Sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), a esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

Torna l’autocertificazione

Con il nuovo Dpcm tornerà l’autocertificazione per gli spostamenti.  Il modulo è già disponibile sul sito del Ministero dell’Interno. Si tratta di un modello standard, che avranno a disposizione tutte le pattuglie delle forze di polizia, nel quale i cittadini dovranno indicare i motivi dello spostamento. I controlli verranno fatti a campione e chi non riuscirà a dimostrare il motivo indicato nell’autocertificazione verrà denunciato.
Clicca qui per scaricare il modello di autocertificazione per gli spostamenti.


Spesso l’applicazione di queste indicazioni va valutata caso per caso. Se avete dei dubbi, vi invitiamo a contattare l’Ufficio Sicurezza, Qualità e Certificazioni Alimentari di Confagricoltura Cuneo (ramero@confagricuneo.it – 0171/692143 – 3665989772) per una consulenza su come adeguare le disposizioni alle propria realtà e per informazioni generali su modulistica, procedure operative e cartellonistica.