Sì TAV, di nuovo in piazza a Torino sabato 12 gennaio

09.01.2019

Ieri, martedì 8 gennaio, i rappresentanti piemontesi del sistema delle imprese, del lavoro, della cooperazione e delle professioni si sono riuniti per esaminare la situazione determinatasi circa la realizzazione della linea TAV Torino-Lione, e in particolare l’atteggiamento del Governo, oltre che le prossime iniziative previste sul territorio, stabilendo quanto segue. Il dialogo e il confronto su basi tecnicamente affidabili continuano a essere gli strumenti corretti per la realizzazione della TAV Torino Lione.

Il sistema rappresentato dalle associazioni è quindi pronto a sostenere qualsiasi luogo di condivisione delle istanze del territorio purché questo sia basato su regole chiare e condivise (Osservatorio, tavoli tecnici, etc.). Circa il flash mob previsto per il 12 gennaio prossimo e lanciato da una parte della società civile, le associazioni sostengono tutte le iniziative in favore della TAV Torino-Lione così come di politiche infrastrutturali che siano orientate allo sviluppo in termini compatibili con l’ambiente e con le esigenze della produzione e del lavoro. E’ stato quindi deciso di sostenere la manifestazione del 12 gennaio prossimo alla quale le associazioni prenderanno parte con delle delegazioni di loro componenti. L’iniziativa “TAV: BASTA CON GLI INDUGI” è organizzata dal movimento “SI, Torino va avanti”, il gruppo “Si Tav, si lavoro” e il Comitato “Osservatorio 21” si terrà sabato 12 gennaio alle 11,30 in Piazza Castello a Torino.

Il sistema delle imprese, del lavoro, della cooperazione e delle professioni sottolinea alcuni punti: la necessità di continuare nel cammino di coesione fra tutte le parti della società civile nei confronti della Tav e del resto delle infrastrutture; la volontà di continuare un confronto serio e costruttivo con le Istituzioni senza però artificiosi ritardi nelle decisioni; la volontà di chiedere conto dei programmi di chi si candiderà alle prossime elezioni circa gli investimenti infrastrutturali e per lo sviluppo del territorio.

facebooktwittergoogle_pluspinterestmail