Contributi negli interessi sui prestiti contratti da imprenditori agricoli con terreni nelle zone colpite da calamità

29.12.2017

terreno agricolo danni alluvione

La Regione Piemonte ha approvato l’attivazione di una procedura per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti di conduzione annuali, contratti dagli agricoltori nelle zone colpite da calamità naturali.

BENEFICIARI

Possono beneficiare dell’aiuto le piccole e medie imprese (PMI) con terreni e/o strutture produttive nelle zone delimitate dalle D.D.G.R. n. 14-4682 del 20/02/2017 e n. 22-5556 del 29/08/2017 ai sensi del D.Lgs. n. 102/2004 (alluvione e gelate tardive), condotte da imprenditori agricoli in possesso dei requisiti di cui all’articolo 1 commi 1 e 3 del D.Lgs. n. 99/2004, iscritte al Registro delle Imprese, che rispettino le norme in materia di previdenza agricola, che risultino in possesso di Partita I.V.A. per il settore agricolo e che abbiano costituito il fascicolo aziendale.

Gli aiuti possono essere concessi solo alle aziende agricole che non rientrano nella categoria delle imprese in difficoltà.

Non possono beneficiare degli aiuti:
1. le imprese che non siano in regola con i versamenti contributivi;
2. le imprese che non abbiano provveduto al versamento di somme per sanzioni e penalità varie irrogate dalla Regione, Città Metropolitana di Torino, Province, Comunità Montane, AGEA ed ARPEA nell’ambito dell’applicazione di programmi comunitari, nazionali e regionali;
3. le imprese che non abbiano restituito somme non dovute percepite nell’ambito dell’applicazione di programmi comunitari, nazionali e regionali da parte della Regione, Città Metropolitana di Torino, Province, Comunità Montane, AGEA ed ARPEA;
4. le imprese che non abbiano effettuato il versamento del prelievo dovuto per mancato rispetto delle norme sulle quote latte.

Trattandosi di finanziamenti regionali, eventuali irregolarità nei pagamenti di cui ai precedenti punti riscontrate in sede di presentazione della domanda non sono causa inderogabile di inammissibilità della domanda stessa e possono essere regolarizzate purché ciò avvenga prima della concessione del contributo.

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO NEGLI INTERESSI

Il contributo regionale negli interessi può essere pari al totale degli interessi pagati nel corso del 2017 per operazioni di prestito bancario a breve termine (comprese anche aperture di credito in conto corrente) della durata massima di dodici mesi, nel limite previsto dal Regolamento (UE) n. 1408/2013 della Commissione del 18/12/2013, pari complessivamente a € 15.000,00 per impresa unica nell’arco di tre esercizi finanziari.

PRIORITA’

In caso di risorse non sufficienti a garantire a tutti i richiedenti aventi titolo la concessione del contributo regionale negli interessi nella misura massima sopra indicata, sarà data priorità alle imprese agricole che hanno presentato richiesta di risarcimento dei danni ai sensi del D.Lgs. n. 102/2004 per gli eventi di cui trattasi.
Qualora le risorse disponibili non siano ancora sufficienti a finanziare tutte le imprese agricole aventi priorità nella misura massima prevista, il contributo verrà proporzionalmente ridotto al fine di consentire il finanziamento di tutte le domande.
Qualora residuino risorse dopo il finanziamento di tutte le domande aventi priorità, le stesse saranno utilizzate per il finanziamento delle altre domande riducendo il contributo in modo proporzionale.

MODALITA’ PRESENTAZIONE DOMANDE

Per poter presentare la domanda di sostegno occorre essere iscritti all’Anagrafe agricola del Piemonte ed aver costituito il fascicolo aziendale, ai sensi del D.lgs n. 173/98 e del DPR n. 503/99.
Le domande devono essere presentate in modalità informatizzata utilizzando il Sistema informativo agricolo piemontese (SIAP).

Per maggiori informazioni contattate gli uffici CAA di Confagricoltura.

 

facebooktwittergoogle_pluspinterestmail